Il Piccolo Gruppo di Cristo

 

Il Piccolo Gruppo di Cristo è una comunità cattolica di cristiani comuni, che, consapevoli di essere stati creati, rigenerati e santificati da Dio, cercano di aiutarsi reciprocamente a cooperare alla salvezza e santificarsi vivendo la vita eterna nella vita presente, mediante una più piena donazione a Dio, che rinnovi e valorizzi la consacrazione ricevuta nel battesimo.

In particolare, il Gruppo si propone, per meglio essere del Signore, di abbracciare i valori delle beatitudini evangeliche vivendo in famiglia, sparsi nel mondo come sale e lievito e come un piccolo resto, e cercando di costruire la Città sul Monte (di cui parla il Vangelo) lavorando, pregando e facendo opere di bene senza pretendere nessuna ricompensa.

Il Gruppo ebbe origine a Milano nel 1957 ad opera del laico Ireos Della Savia, insieme al quale alcuni giovani, accomunati dal desiderio di aiutarsi a salvarsi in un mondo che si stava scristianizzando, cominciarono a riunirsi settimanalmente per meditare la Parola di Dio e per scambiarsi le proprie esperienze di vita cristiana. Lavorando, pregando, facendo apostolato, e soprattutto volendo attuare in famiglia la propria perfezione sotto la guida di un responsabile, decisero di impegnarsi a praticare le virtù evangeliche, cercando di realizzare così l’ideale di Comunità dei primi cristiani. Fra di loro, alcuni accolsero la chiamata al matrimonio, altri invece quella al celibato.Pur nella diversità caratteristica delle due vocazioni celibataria e sponsale, i membri della Comunità continuarono a seguire lo stesso cammino e la stessa offerta di se stessi a Dio. Gradualmente il Gruppo si allargò, accogliendo così al suo interno uomini e donne, sposati e celibi, giovani e anziani, persone diverse non solo per estrazione sociale, professione, cultura, provenienza geografica, impegno sociale ed ecclesiale, ma anche per modalità di appartenenza e partecipazione (in Comunità o in Fraternità spirituale), alla vita del Gruppo.

Dopo un periodo di progressiva elaborazione delle costituzioni, da ultimo sotto la supervisione di monsignor Attilio Nicora, allora vescovo ausiliare di Milano, nel 1984 l’arcivescovo di Milano, il cardinal Carlo Maria Martini, ha concesso al Gruppo il riconoscimento come associazione privata di fedeli, approvandone gli statuti, lodandolo in particolare per la sua originalità e segnalandolo come strada significativa di pienezza di impegno cristiano.